Il bouquet per la sposa: ecco come sceglierlo

Tra i tanti elementi che contribuiscono a rendere un matrimonio indimenticabile, il bouquet della sposa è senza dubbio uno dei più importanti: un accessorio a cui non si può rinunciare se si vuole rispettare la tradizione, ma che deve essere scelto con la massima attenzione non solo per quel che riguarda il tipo di fiori da utilizzare, ma anche dal punto di vista dei colori.

L’importanza del bouquet

Nel contesto del cosiddetto bridal look, cioè il look della sposa, il bouquet probabilmente ha lo stesso valore del vestito, dal momento che finisce per attirare su di sé gli sguardi di tutti gli invitati e – soprattutto – di tutte le invitate. Non si tratta solo di pensare alla componente visiva, ma anche a quella olfattiva: i profumi dei fiori del bouquet sono destinati a rimanere impressi nella memoria e nel cuore della sposa per tutta la sua vita. Gli esperti ritengono, comunque, che dal punto di vista estetico il mazzo di fiori debba in un certo senso equilibrare l’abito della sposa: in altri termini, è opportuno tenere conto sia del tessuto con il quale il vestito è stato realizzato, sia del suo colore, senza dimenticare la sua forma.

L’abbinamento con l’abito da sposa

Nel caso in cui la sposa abbia in mente di indossare un abito dai tratti piuttosto semplici o caratterizzato da uno stile minimal, si può pensare di spingere il pedale del coraggio con un bouquet piuttosto elaborato oppure colorato come il passionale bouquet di rose rosse; d’altro canto, se già il vestito è molto ricco di particolari, e magari prevede anche un velo, il consiglio è quello di puntare su un mazzo di fiori il più possibile discreto e sobrio, in modo tale che il look nel suo complesso non risulti troppo pesante. Anche la forma del bouquet, poi, è molto importante: se è rotonda e compatta, per esempio, è ideale per gli abiti a tubo o per i vestiti molto corti.

Quale bouquet scegliere?

Le opzioni a disposizione per la scelta del bouquet di un matrimonio sono davvero tante: dai modelli a cascata a quelli voluminosi, passando per i fiori unici, non si può certo dire che manchino le opportunità. Per una sposa che indossi unabito a sirena, vale a dire dotato di strascico, può essere preferibile adottare un bouquet a cascata, dai tratti decisamente romantici, ma è sempre consigliabile tenere conto della propria statura: per le donne non molto alte, infatti, il rischio sarebbe quello di una resa inadeguata. In questo caso, allora, si potrebbe andare su un bouquet composto da fiori di grandi dimensioni o caratterizzati da un lungo stelo, perfetti per i vestiti con un taglio sofisticato e semplice, come gli abiti in stile impero.

I bouquet con un fiore solo

Come detto, anche i fiori unici rappresentano un’opportunità da valutare: una scelta adatta a chi vuole stupire perché insolita, ma non per questo motivo poco raffinata o non elegante. Le donne che vestono un abito a colonna, a sirena o comunque aderente possono essere certe di fare bella figura con un unico fiore, soprattutto se questo è una peonia, che con la sua conformazione notevole e ampia si presta alla perfezione.

Quali sono i fiori migliori

Proprio l’individuazione della tipologia di fiori costituisce il passo fondamentale da compiere: come si è già detto, non bisogna tenere conto solo della vista ma anche dei profumi, fermo restando che sarebbe meglio pensare a fiori che riescano a rimanere freschi il più a lungo possibile. Il significato di ogni fiore è un altro aspetto da considerare: se il giglio è sinonimo di nobiltà d’animo e di purezza, la rosa sta a indicare la devozione, mentre il giacinto è simbolo di fedeltà e l’iris è associato alla speranza. Le orchidee e le calle, infine, vengono abbinate alla femminilità.

Lascia un commento