Piante Tropicali: le più belle da tenere in casa

Le piante tropicali adatte a stare in casa sono numerose e molto diverse tra loro, ma hanno tutte degli importanti elementi in comune: abbelliscono gli ambienti e li rendono più salutari, perché trattengono l’umidità e purificano l’aria.

Piante tropicali, rendono la casa più bella, ma richiedono le giuste attenzioni

La pianta tropicale da appartamento necessita di particolari attenzioni. Bisogna provvedere ad irrigarle evitando i ristagni idrici (per impedire che parte delle radici marcisca), fertilizzarle con i concimi appropriati, potarle quando necessario, e rinvasarle periodicamente anche per consentire uno sviluppo ottimale delle loro radici.

Le piante tropicali più belle da tenere in casa

Se si amano le piante tropicali, si può decidere di acquistarle presso i fiorai o nei negozi di piante e fiori online. Ma quali scegliere? Di seguito ne proponiamo alcune tra le più belle da poter tenere in casa.

Felce di Boston: ha un fogliame rigoroso ed una crescita abbastanza veloce. Si tratta di una pianta facile da tenere in casa e curare, ma bisogna stare attenti a mantenere un grado di umidità ottimale, a non esporla alla luce diretta, e ad annaffiarla spesso. Riesce a sopravvivere fino ai 7 gradi centigradi.

Palma di Areca: una pianta sempreverde con un fogliame davvero molto decorativo. Si adatta a qualsiasi terreno, purché sia umido e sufficientemente drenato. Va annaffiata spesso, specialmente d’estate e in presenza di climi caldi. Soffre il freddo e le correnti di aria. Ha un basso costo, ma è sconsigliata a chi ha dei gatti in casa.

Fiore di cera o Hoya: pianta perenne con foglie brillanti, sopravvive a temperature al di sopra dei 7-13 gradi centigradi. Si caratterizza anche per i fiori bianchi dalla suggestiva forma a stella, che al loro interno hanno un’altra infiorescenza più piccola di un colore diverso. È una varietà rampicante, quindi necessita di un supporto sul quale potersi attaccare. Preferisce l’esposizione diretta alla luce solare. D’estate va irrigata spesso, evitando i ristagni d’acqua.

Medinilla: riconoscibile dalle foglie larghe e dal colore verde scuro con delle venature chiare. I suoi fiori sono di colore rosa o rosso corallo. Va annaffiata 2 volte a settimana in estate e una d’inverno. Ama molto la luce, ma quando il sole è molto forte è preferibile ombreggiarla. Richiede molte cure ed è adatta a chi ha il giusto tempo da dedicargli.

Cactus di Natale: così chiamato perché raggiunge la massima fioritura nel mese di dicembre. Preferisce i climi molto caldi ma l’importante è che resti in luoghi che non scendano oltre i 10 gradi. Inoltre, deve stare lontana da fonti di calore e dalla luce solare diretta. Conviene collocarla dove c’è ombra, ma anche luminosità. Ha fiori molto belli e delicati. Quando termina la fioritura è bene interromperle l’annaffiatura per circa un mese e mezzo, fino a quando non si forma un nuovo stelo.

Lascia un commento